OP-Roboter entfernt Krebs aus Hals eines 61-Jährigen

Gianluca Riccio

Medizin, Robotica

Die Möglichkeit, „offene“ und komplexe Eingriffe in schnelle Eingriffe umzuwandeln, macht den OP-Roboter zu einer außergewöhnlichen Option.

Als Premiere hat ein Operationsroboter im Gloucestershire Royal Hospital (GRH) im Vereinigten Königreich das Leben eines Patienten gerettet, indem er Kehlkopfkrebs erfolgreich entfernt hat.

“Aver avuto una seconda possibilità di vedere i miei nipoti, i miei figli e mia moglie ha significato molto per me,” dice il 61enne Martin Nugent. “Il team del GRH mi ha salvato la vita e sarò per sempre grato a loro per averlo fatto”.

Das GRH-Team, bestehend aus Simon Higgs e Steve Hornby ha “ingaggiato” Versius, robot chirurgico sviluppato da un’azienda medica, la CMR Surgical. Il loro ospedale è stato il primo ad avviare un programma di chirurgia robotica gastrointestinale.

6 cm, ein Leben

Dank Vers e alla perizia dei chirurghi gastrointestinali inglesi, l’intervento di esofagectomia è stato un successo con la rimozione di una massa di 6 centimetri.

In precedenza gli interventi sull’esofago, il tubo muscolare che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco, venivano eseguiti “a cielo aperto”. L’impiego del robot chirurgico Versius ha consentito un approccio chirurgico ad accesso minimo.

“È fantastico vedere in azione Versius per interventi oncologici complessi come questo,” dice Ana Raduc, direttore generale di CMR Surgical. Fa bene ad esaltarsi: la chirurgia ad accesso minimo migliora i risultati, riduce il dolore post operatorio e crea incisioni molto più piccole. In sostanza, può portare a guarigioni più rapide. La robotica chirurgica è un campo davvero promettente.

chirurgischer Roboter
Un’immagine ravvicinata dell’aiutante chirurgo

Versius, ein chirurgischer Roboter, der sich für alles als nützlich erweisen kann: von einfachen bis zu komplizierten Dingen.

“Per noi è importante usare Versius in ospedale, così che i pazienti sottoposti a interventi di routine come la colecistectomia e a procedure più complesse possano beneficiare della precisione e dell’accuratezza della chirurgia robotica”, ha dichiarato Higgs, uno dei chirurghi.

Durch die Behandlung von immer mehr Patienten mit minimalen Zugangsverfahren wird der Operationsroboter die Arbeit der Ärzte vereinfachen und letztendlich diesen und viele andere Bereiche der Chirurgie verändern.

Per ora ha trasformato la vita di Simon Nugent, il “paziente 1”, un nonno inglese che lo scorso anno, fa sapere, soffriva al punto di perdere vistosamente peso e non riuscire a mangiare nulla nemmeno a Natale. “Penso che quest’anno ci rifaremo,” dice Nugent, “e sono davvero felice che mi sia stata data l’opportunità di godermi un altro Natale”.

Dies und andere, Großvater Simon.